SALDI ESTIVI + REGALO GRATUITO CON UNA SPESA DI OLTRE 100 EURO
£0.00 0
Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

Continua lo shopping

Che cos'è la tolleranza inversa?

Molecola e pianta di CBD

Indice dei contenuti

La tolleranza inversa - nota anche come sensibilizzazione alle droghe - è un termine farmacologico che descrive il fenomeno, positivo o negativo, che si verifica quando un consumatore sperimenta una maggiore reazione a una droga dopo un uso ripetuto. In altre parole, più spesso si consuma la droga, più significativa è la reazione dell'utente.

La tolleranza inversa può essere un concetto scivoloso da afferrare, forse perché contraddice la nostra fisiologia in altre aree. Se si bevesse alcool Per esempio, se si beve per un periodo prolungato, è più che probabile che si instauri una tolleranza e che, dopo sei mesi di consumo, sia necessario un volume maggiore per sentirne gli effetti rispetto al primo periodo. Quando si parla di tolleranza inversa, invece, è vero l'esatto contrario.

Il CBD e il sistema endocannabinoide

Come abbiamo discusso in un post precedente il nostro corpo è dotato di un sistema endocannabinoide (ECS) che regola una serie di processi importanti, come l'umore, la tolleranza al dolore e l'ansia. immune mantenimento del sistema. Per raggiungere questo obiettivo, l'ECS si affida ai cannabinoidi prodotti naturalmente dall'organismo. Alcune persone, tuttavia, presentano una carenza di cannabinoidi, dovuta a una serie di fattori come lo stress, le cattive abitudini alimentari e le tossine ambientali.

Pertanto, il CBD - sotto forma di oli, cera si sbriciola o additivi - è benefica perché ci fornisce i cannabinoidi essenziali necessari per mantenere una salute ottimale.

THC e tolleranza

Sebbene la ricerca sul CBD sia ancora agli inizi, il consenso generale è che il suo utilizzo non comporta lo sviluppo di una tolleranza. D'altro canto, quando si tratta del cannabinoide più abbondante della pianta di cannabis, lo psicoattivo THC composto, è vero il contrario, ed è per questo che i consumatori di THC sono incoraggiati a fare pause di tolleranza.

CBD e tolleranza inversa

La tolleranza inversa si sviluppa perché il CBD aumenta gli endocannabinoidi naturali dell'organismo. Pertanto, gli utenti possono essere in grado di diminuire la dose e ottenere comunque gli stessi risultati. Dal punto di vista medico, si tratta di un risultato notevole, perché i pazienti possono eventualmente diminuire la dose di dosaggio pur traendone i benefici.

L'inversione della tolleranza evidenzia l'efficacia dei costi del CBD, in quanto gli utilizzatori finiscono per richiedere dosi più piccole, che sono generalmente meno costoso.

Cosa fare se si sta sviluppando una tolleranza

Come già accennato, la ricerca sul CBD è attualmente nella sua fase iniziale, pertanto non possiamo essere certi che il CBD provochi effettivamente una tolleranza inversa. Pertanto, se si ritiene che si stia sviluppando una tolleranza al CBD, il primo pensiero potrebbe essere quello di aumentare il dosaggio. Tuttavia, questa non è sempre una soluzione praticabile. In alternativa, potrebbe valere la pena di fare una pausa di tolleranza.

Poiché l'emivita stimata del CBD è di 18-32 ore, una pausa di 48-72 ore può consentire all'ECS di resettarsi, permettendo di sperimentare nuovamente la vasta gamma di benefici del CBD.

 

 

Si prega di notare: Questo blog riflette dati storici precedenti ai recenti cambiamenti nelle leggi sui cannabinoidi, nelle normative sulla cannabis medica e in alcuni dei nostri migliori nomi di prodotti CBD, dosaggi e formulazioni. Questi blog storici rimangono come riferimento dopo l'aggiornamento del nostro sito web, ma potrebbero contenere informazioni obsolete. Scoprite i nostri prodotti CBD e cannabinoidi legali aggiornati per la migliore esperienza CBD. 

Condividi: